Quando Scrivevo #3 Software Set Up and How To

gestione sviluppo contenuti

Sviluppo Contenuti #3

Siamo sempre sullo Sviluppo Contenuti negli anni, qui in una guida per l'utilizzo di un software, anche qui mi commuovo nel rileggerlo 🙂 ; tutte le note sono da ritenersi non più valide purtroppo...negli anni sono successe tante, troppe cose nel mondo p2p; noi "vecchi" eravamo per lo share della cultura, ma quando qualcosa ci piaceva o appassionava la acquistavamo. Non faccio di tutta l'erba un fascio o "il vecchio sul cantiere", ci sono tanti ragazzi, in particolar' modo nel mondo gaming, che acquistano. Comunque l'articolo è qui per dimostrare il mio sviluppo contenuti, non per il contenuto stesso, oramai probabilmente obsoleto (in realtà no, rileggendo la guida è ancora tecnicamente valida, le note sarebbero da cancellare ma danno un tocco Vintage, e qualcuno si emozionerà a leggere -silent o mininova 😉  )

 

 

TORRENT, QUESTO SCONOSCIUTO…

Brano consigliato per la lettura dell’articolo: “And It Rained All Night”  Thom Yorke - The Eraser

 

Questo articolo sarà una piccola guida all’utilizzo della tecnologia di scambio file p2p ( peer to peer, pari a pari, persona a persona).

Non sarà una guida per esperti, anche perchè in rete ci sono veri e propri ”draghi” in materia, che surclassano di miglia le mie conoscenze e i cui manabili sono rintracciabili in ogni lingua del globo.

 

Io proverò, in due parole, a farvi iniziare, a capire le basi, a scambiare quel tanto intangibile quanto imprescindibile bene denominato Cultura.

 Se poi voi, nel giro di due mesi, diventerete Releasers*, beh, tanto di cappello e pacchi di sinceri complimenti con preventivi e cristallini… “I’m Proud Of You”.

 

Non mi perdo in fronzoli, partiamo.

 

Torrent vuol dire torrente, torrente di dati, flusso di informazioni…in parole povere: files.

Files vuol dire tutto lo scibile umano, a portata di click.

Click vuol dire…aprite Internet Explorer (o Modzilla o Chrome o quello che più a voi si confà),

digitate “bit torrent”, entrate in bittorrent.com* e scaricate (free download) il programma.

 

Dopo averlo installato (1- Programma leggerissimo 2- il vostro cpu fa tutto da solo basta cliccare due volte sul file che avete, adesso, sul vostro desktop o in documenti…insomma dovunque lo troviate *) potete partire con la fase addirittura ancor più elementare della precedente, così da  entrare, con garbo, nell’ immenso e meraviglioso mondo dello scambio in rete.

 

A questo punto avete i denti ma non avete il pane.

Il pane (i files) in questione è piuttosto semplice da trovare.

Vi sono siti enormi* dedicati a questo argomento ma, vista la natura empirica ed immediata di questa che gli Anglosassoni chiamerebbero GuideForDummies,  vi espongo il modo meno arzigogolato.

 

Siete in HomePage, su Google; digitate sulla barra il nome del file che state cercando seguito dalla parola torrent*. Et voilà, il gioco è fatto, vi appariranno diverse fonti in cui ciò che state cercando è ubicato. A voi basterà seguire il link proposto da google* e, dal momento in cui clicckerete download, il vostro bittorrent si azionerà da sé, ovviamente chiedendo di confermare la vostra decisione, iniziando immediatamente lo scambio, attivandosi all’accensione del cpu, e lasciando i file nella cartella “downloads” presente in documenti.

 

Evito di scendere nel complicato ma un paio di notizie aggiuntive sono molto utili.

 

SEED= Seme; ovvero i file completi che gli utenti lasciano in rete a disposizione di chi, come voi, li sta cercando. Al termine del download voi sarete i Seed di chi, come voi, vuole ottenere quel determinato torrent. Più seed ci sono più scarichi velocemente. Sta alla coscienza e all’intelligenza della persona capire che se non permettesse di completare il file a nessuno, e se tutti si comportassero così, non esisterebbe più nessuno scambio da effettuare.(spero non come voi).

PEER= Pari; ovvero tutti gli utenti che cercano il vostro stesso file.

 

Ci sono, in realtà, tantissimi altri skills che potrei e dovrei darvi, ma termino qui.

 

Se siete nuovi a questa tecnologia seguite i quattro/cinque passi che ho elencato.

 

Per qualsiasi dubbio o Upgrade in merito io sono qui e sono stra-felice di rispondervi nei commenti.

Non escludo un altro pezzo con “torrent tricks”,“best sites” and “common mistakes”..vedremo..

 

LA CULTURA E’ DI TUTTI.

 

AllTheBest

Ivan Cesare Caponi

 

 

  1. *I Realeasers sono coloro che fanno le “relle”(releases appunto) ovvero che caricano spontaneamente dei file dal loro hard disk o da un loro disco. Sono le vere e proprie origini di un file che verrà poi scambiato in rete. (ad es. in Italia c’è il gruppo taggato –SILENT che è un gruppo di realesears incredibili; mentre su TNTvillage “vivono” tutti i realesears di file più difficili da trovare o, in generale, più vecchi) 
  2. * Azureus o u-torrent sono esattamente la stessa cosa, anche se prediligo bittorrent.
  3. * Nel momento del download scegliete desktop, lo lanciate, e alla fine sapete dove cancellarlo.
  4. * Ve ne dico quattro, tra i miei preferiti, in ordine di preferenza: Mininova, TNTvillage,  Sumotorrent, Torrentportal, (ovviamente anche The PirateBay).
  5. *5.1- Tranne mininova e tnt gli altri vi propongono ad inizio pagina i direct download che sono dei fake in pratica. Timeo Danaos et dona ferentes…

5    *5.2-  Se cercate un film o una serie ricordatevi di aggiungere ita o italian, sempre che non vogliate le versioni originali.