S.E.M. Search Engine Marketing

Tutte le leve di marketing digitale o search engine marketing con acronimo s.e.m.

Dalle campagne google adwords all’engage video.  Dal content marketing al social media alle dem.

Le definizioni di cosa sia o non sia S.e.m. negli anni sono cambiate e mi fanno pensare tanto ai concetti universitari di below the line ed above the line in Pubblicità. Oramai ampiamente sorpassati dal Through the lines questi concetti tanto da non essere citati più del tutto.

Credo che con il S.e.m. “prenderemo la stessa strada presto”.

I miei passi strategici fondamentali ricalcano diversi modelli e si concentrano su di una attenta e specifica analisi sui target. Siano essi di riferimento o potenziali. La scelta di leve è molto attenta e segue una attribuzione percentuale di ogni fase.

Entriamo nel regno delle ovvietà digitali se diciamo che per il b2b spingiamo dei canali e per il b2c ne spingiamo altri?

Probabilmente si, ma ma ho spesso trovato problemi anche in ovvietà come questa.

S.e.m. è assieme numero e creatività

conoscenza del mondo, del mondo vero, off line, e poi del mondo numerico ed analitico di google; o dei tools che utilizziamo sia in fase di marketing digitale sia in fase analitica (naturalmente quando le due non convergano, cosa altamente auspicabile).

Search engine

come sapete è il motore di ricerca, quindi sembra strano o difficile differenziarlo dalla S.e.o.

Tale differenziazione diventa invece evidente con una semplice ricerca su google. Cosa troviamo? Come è strutturata una pagina di google?

S.E.O. – Ottimizzazione per i motori di ricerca

La S.E.O.

è l’arte di far trovare il proprio sito, in modo naturale ed organico nei risultati dei motori di ricerca, per parole chiave altamente profilate con la Vs. attività, prodotto o brand.

I miei steps progettuali in approccio S.e.o. partono spesso da Google, dai numeri; mi è più volte capitato di dover' "stoppare" i miei clienti su determinate richieste di parole chiave specifiche in quanto senza numeri a supporto.

In realtà, se si avesse una lungimiranza a lungo termine tale approccio non sarebbe completamente errato dato che la s.e.o. potrebbe e dovrebbe essere anticipata.

Mi piace concentrarmi sulla fase del contenuto; mi sembra sempre strano quando  vedo differenziare fase del contenuto e fase tecnica: ad oggi per i maggiori cms la fase del contenuto è la fase tecnica. Prendiamo ad esempio una meta dscrpt, se customizzata ed implementata con la keyword principale è un plus S.e.o. ma per fare questo bisogna essere in grado di rimodulare i nostri contenuti.

e per fare questo non esiste tool, o sai scrivere, o alla lunga fai più "danno che guadagno" come si suole dire nei peggiori bar del centro Italia.

Inutile stare qui a fare corsi S.e.o. o a specificare azioni; se l'interesse del cliente verso i posizionamenti organici è forte, un consulente deve essere chiaro, come tra l'altro consiglia google quando parla di S.e.o. : "nessuno al mondo può Assicurare alcun' posizionamento in alcuna pagina di Google".

Questo cosa vuole dire? Che non possiamo fare nulla per migliorare la nostra posizione nei risultati organici (i risultati "naturali " di google) ?

Assolutamente No; possiamo mettere in atto un insieme di diverse azioni che miglioreranno sicuramente il ranking del sito e, focalizzandoci sulle parole chiave del nostro settore, la nostra posizione nei risultati di ricerca Google. Ma non possiamo dare tempistiche esatte, solo forbici di tempo, altrimenti siamo poco seri, il cliente perde la fiducia nel consulente e, alla lunga, nel settore.

Digital Team

Digital Team

In dieci anni ho avuto la grandissima fortuna di conoscere una serie di professionisti importanti, di farne quindi una cernita, una scrematura, e tenermi solo i migliori i quali hanno sempre estremo piacere nel lavorare con un manager digitale come Me, in quanto curo interamente tutte le fasi ed ergo ho sempre il progetto "sotto mano" in ogni sua variante, dalla sfera puramente commerciale a quella tecnica.

Faccio delle user estremamente approfondite e rilascio, nella pratica, elenchi puntati in cui sono diretto ed univoco nelle decisioni.  Comando io in pratica, non c'è democrazia, in quanto oltre alla mia esperienza c'è da calcolare un fattore basilare ed immediato: io ho parlato e parlo con il cliente, o con il responsabile/direttore Marketing nel caso sia interno ad un'azienda, quindi so cosa vuole.

Quindi perchè vengo apprezzato se ho questo approccio abbastanza assolutistico/dittatoriale?

 

Perchè conoscendo il "lavoro" so quando rispondere di No ad un cliente o ad un direttore. Il NO è una delle cose più difficili in questo lavoro: spiegarne le motivazioni comporterebbe diverse pagine di esempi e di chiarimenti; non è il luogo. Chi fa questo o anche altri lavori, ha capito perfettamente.

Perchè conosco i tempi di lavorazione di un buon 95% delle fasi quindi non chiedo "la luna" ma delle realistiche previsioni di deadlines che poi comunico al cliente o al mio superiore in ottica di massima trasparenza e professionalità.

Perchè conosco il valore del "lavorare in serenità" e sono completamente in disaccordo con chi afferma che solo uno stress costante possa portare i migliori risultati. Forse nell'attività commerciale è così, non nel mio lavoro.

Perchè mi piace ridere e scherzare, perchè amo quello che faccio; perchè, in definitiva, sono una persona serena e questo traspare anche da una semplice riunione. Se il tuo lavoro ti piace, è tutta un'altra musica.